A Guastalla inaugurata la mostra “Michael Kenna: il fiume Po”

A Guastalla inaugurata la mostra “Michael Kenna: il fiume Po”

Nell’anno della pandemia Michael Kenna ha realizzato tre progetti editoriali di grande rilievo: Buddha (Prestel Publishing) in cui raccoglie 160 fotografie dedicate alla divinità orientale; l’edizione limitata di 15 fotografie Notre-Dame de Paris (Nazraeli Press), omaggio al monumento francese a seguito del rogo che l’ha funestato; e Il fiume Po (Corsiero editore) che raccoglie 100 fotografie scattate dal 2007 al 2019, dalla sorgente alla foce del maggior fiume italiano, dalle montagne piemontesi alle rive adriatiche attraverso le distese della Pianura Padana. Queste immagini, che raccontano la lunga familiarità tra un fotografo inglese e “un caro, vecchio e saggio amico”, sono protagoniste della mostra “Michael Kenna: il fiume Po” inaugurata ieri sabato 16 ottobre a Guastalla (Reggio Emilia), cittadina gonzaghesca sulle rive del Po, e visitabile fino al 6 gennaio 2022.

Caratteristica del grande fotografo inglese è quella si sviluppare i progetti fotografici importanti nel corso di molti anni, per poi approdare alla loro pubblicazione. In questo caso, le prime fotografie del Po risalgono al 2007, quando Kenna venne invitato a fotografare il territorio reggiano in vista della grande mostra antologica “Immagini del settimo giorno” a Palazzo Magnani nel 2010 a Reggio Emilia.

Da lì è cresciuta nel tempo e si è sviluppata per Michael Kenna una familiarità con il grande fiume e i suoi molteplici paesaggi: “Suppongo che la domanda da porsi sia: come si può non essere colpiti dal grande fiume Po? È potente, bello, carismatico e ha un’attrazione singolare e magnetica. Già durante le mie prime visite speravo che un giorno ci sarei tornato. Quando l’ho fatto nel 2017, mi sono sentito come se stessi familiarizzando di nuovo con un caro, vecchio e saggio amico”.

“Queste fotografie” spiega il fotografo inglese “sono il riflesso delle mie conversazioni con il Po. Spesso paragono la fotografia all’incontro con una persona. Ne incrociamo migliaia, se non milioni, nella nostra vita, ma solo poche di loro rimangono come buoni amici con cui restiamo in contatto ripetutamente. Perché è così? Cosa forma i legami d’amicizia e d’amore? Come fa uno in apparenza estraneo, di un altro Paese — com’è il Po per me — a diventare un caro amico? Succede e basta”.

“Preferisco pensare che le mie fotografie siano più vicine alla poesia che alla prosa – continua Kenna – e ripeto spesso che il colore è un po’ troppo specifico e determinato per il mio modo di lavorare. Vediamo tutto a colori. Il bianco e nero, invece, è una riduzione essenziale della stimolazione sensoriale che permette alla nostra immaginazione di attivarsi di più. Il bianco e nero dice precisamente che questa è un’interpretazione, non è un tentativo di copiare ciò che vediamo con i nostri occhi.”

La mostra “Michael Kenna: il fiume Po” è allestita al piano nobile del Palazzo Ducale, già ambientazione di alcune celebri scene di Novecento di Bernardo Bertolucci e, più di recente, della scena del sogno nel film Volevo solo nascondermi di Giorgio Diritti, dedicato al pittore Antonio Ligabue.

In esposizione, accanto all’intera serie di cento fotografie che compongono il libro pubblicato l’anno scorso da Corsiero editore, una video intervista al fotografo realizzata appositamente per questo progetto.

Brevi note biografiche

Nato nel 1953 a Widnes, Lancashire, dopo essersi diplomato nel 1976 al College Of Printing di Londra, Michael Kenna si trasferisce negli Stati Uniti come collaboratore della fotografa Ruth Bernhard divenendo il suo stampatore. È questa attività che gli permette di affinare le conoscenze della stampa in camera oscura, tecnica da lui tuttora adottata, prediligendo il sistema tradizionale a quello digitale.

Il paesaggio naturale e antropizzato, colto talvolta in condizioni atmosferiche rarefatte, all’alba o di notte, è il vero protagonista della sua fotografia riflessiva nel linguaggio del bianco e nero.

A partire dal 2007, in occasione di una mostra a Reggio Emilia, Kenna inizia a scoprire l’ambiente rivierasco del fiume Po, dando inizio una profonda indagine interpretativa del paesaggio fluviale dalla sorgente alla foce.

Attualmente Kenna vive a Seattle dove si è trasferito negli anni Settanta e le sue opere sono state esposte in gallerie e musei in Asia, Australia ed Europa.

Michael Kenna: il fiume Po”

Guastalla (RE), 16 ottobre 2021 – 6 gennaio 2022

Mostra a cura di Andrea Casoli e Gloria Negri

Catalogo Corsiero editore

Introduzione di Sandro Parmiggiani

Progetto grafico di Mara Scanavino Pproject

Palazzo Ducale, via Gonzaga 16 – Guastalla (Reggio Emilia)

Giorni e orari di apertura mercoledì, sabato e domenica 9.30-12.30 e 15.30-18.30

È CONSIGLIATA LA PRENOTAZIONE. ACCESSO CON GREEN PASS

INFO

Ufficio Cultura – telefono 0522 839756 – 757 – 761

e-mail ufficiocultura@comune.guastalla.re.it

Ufficio Informazioni Turistiche – telefono 0522 839763

e-mail uit@comune.guastalla.re.it